Dare valore alla cura

Pierluca, studioso esperto di linguistica e autore di un interessante libro sull’argomento intitolato Le parole del benessere, è passato in un click dall’essere dipendente pubblico, al lavoro autonomo, attraversando esperienze intense, che gli hanno ben presto presentato il conto dei benefici e dei “malefici” del trovarsi solo contro il mondo. Anzi, contro il mercato.

La loro impresa, che costruisce piscine, cresceva a una velocità superiore alla loro capacità di adeguarsi.

 

Il risultato è immaginabile.

 

Giornate interminabili iniziate alle 4 del mattino, notti insonni, scrivanie pullulanti di urgenze, ritardi, priorità trascurate, tensioni e aspettative a rischio.

 

Siamo entrati con loro in azienda, abbiamo conosciuto una ad una le persone e ci siamo messi nei loro panni, entrando nel merito di ciascun processo, mettendolo in discussione, migliorandolo, codificandolo, in modo che:
• ogni azione avesse una copertura e un back-up

• si sapesse con chiarezza chi fa cosa

• non ci fossero passaggi “scoperti”.

 

Tutti i documenti di processo sono stati scritti e informatizzati in modo da essere consultabili e controllabili anche da remoto e in tempo reale.

 

Ogni membro del team che ha partecipato, ha affermato le proprie responsabilità.

 

Da quel momento le cose sono andate sempre meglio.

 

«Ho apprezzato molto la vostra capacità di adattare la consulenza, assecondando le nostre reali esigenze» afferma Chiara, che oggi gestisce la propria realizzazione professionale e la relazione lavorativa e coniugale con Simone, con entusiasmo ancora maggiore.